Contenuto principale

Presentazione

La seconda sala di lettura vista dall'alto

Dove e cosa si studia in biblioteca

Foto della seconda sala di lettura


I Fondi della Biblioteca

La Casanatense possiede, tutela e rende disponibile un patrimonio di grandissimo valore

Immagine di una carta di un manoscritto musicale


Eventi

Limited/unlimited: uno dei grandi eventi che la biblioteca ha ospitato negli ultimi anni

Gli eventi in biblioteca


Le fotografie nell'Opac

Nel catalogo online si trovano catalogati anche i fondi fotografici

I fondi fotografici nell'Opac


Metti una sera a cena... in biblioteca

La Casanatense offre i propri spazi monumentali per eventi esclusivi. Scopri come!

cena di gala nel salone monumentale


Scaffali Digitali

Stampe, bandi, disegni digitalizzati in hr da consultare online

incisioni digitalizzate


calchiCollezione di Calchi in zolfo di varie misure

La raccolta di calchi giunse in biblioteca con il suo catalogo di vendita: Catalogue de souffres tirés de cameés, et pierres gravés antiques. Revu et corigé par M. r l'Abbe Visconti Président des antiquitez de Rome du 1768 che termina con Les susdit souffres avec d'autres antiquites... se vendent a Rome par Gemme Gioni demeurant au Cours dans une bouttique vis a vis le palais de S.E. le prince de Fiano... (Ms. Cas. 469/2).

L'elenco è per soggetti: figure di divinità; storia; filosofi, poeti ed oratori; re di Macedonia e d'Egitto; consoli romani, imperatori ed imperatrici; ritratti vari. Per ogni sezione è indicato il numero dei calchi e per ognuno di questi il materiale del pezzo originario: marmo, bronzo, cristallo di rocca, corniola, calcedonia, agata, ametista. I calchi sono fissati, come d'uso per queste raccolte, su quindici piani di legno (cm 32,9x20,3) impilabili a comporre una cassetta e sono realizzati con una finezza ed una precisione di lavoro che li rende certamente pregevoli.
Molto interessante è anche la singolarità del materiale d'esecuzione, una pasta di zolfo, spesso confusa con la cera rossa che, insieme al gesso, era il materiale comunemente utilizzato per i calchi.
calcoSulla tecnica di questi lavori in zolfo, per i quali sembra difficile trovare sia documentazione storica che memoria antiquaria, riferisce G. A. Aldini nelle sue Instituzioni glittografiche, pubblicate a Cesena nel 1785: «Un'altra materia molto adattata per cavar bellissime impronte è il Zolfo, il quale convien che sia ben purgato, e puro: questo liquefatto con una porzione dimidiata di qualche colore a piacimento, come sarebbe il minio, la terra verde, il negrofumo, l'ocra, o cosa simile, e ben incorporato con tali colori si versa sopra una carta alquanto consistente, ed un poco unta con olio d'oliva, sopra la quale si distende il zolfo liquefatto; di questo se ne prende poscia quella porzione, che può bastare per fare un'impronta della grandezza della pietra, che volete rappresentare, si pone in un cucchiajo di ferro, o di ottone, e si fa lentamente liquefare una seconda volta, avendo sempre l'avvertenza di levare ogni sporcizia, o schiuma, che sopra vi apparisse; si versa poscia pian piano sopra la Pietra, che dee essere aggiustata o, in picciol contorno di piombo, o di cartoncino fermato all'intorno con un filetto di ottone, affinché riceva la materia senza pericolo che si versi; e questa rappresa si stacchi destramente dalla Pietra... Fatte, che si sieno le impronte, se ne levano via le labbra, si tosano, si limano, e si dà loro una forma regolare. Per ultimo apparecchio si circondano con piccioli pezzi di cartone dorato sull'orlo, dove si trovano rinchiuse, come in una cornice, e che oltre a questa pulitezza, che loro procurano, servono ancora di riparo contra l'urto, e le rendono più durevoli. Se si hanno molte di queste impronte si dà loro ordine, e per poterle più comodamente considerare, s'incollano sopra a de' cartoni, o sopra tavolette, le quali si ordinano, come tante cassettine in un picciolo armadio, come suol farsi delle medaglie.» (pp. 338-339, 343)


scheda di Iolanda Olivieri pubblicata in La Biblioteca Casanatense, Firenze, Nardini, 1993