Contenuto principale

Presentazione

La sala di consultazione generale

Dove e cosa si studia in biblioteca

Foto della prima sala di lettura


I Fondi della Biblioteca

La Casanatense possiede, tutela e rende disponibile un patrimonio di grandissimo valore non solo librario

calchi in gesso


Eventi

La Casanatense offre i propri spazi monumentali per eventi e manifestazioni culturali. Scopri come!

Gli eventi in biblioteca


Le fotografie nell'Opac

Nel catalogo online si trovano anche i fondi fotografici

I fondi fotografici nell'Opac


Manoscritti miniati catalogati e digitalizzati

manoscritto miniato

Manoscritti miniati catalogati e digitalizzati


Scaffali Digitali

Stampe, bandi, disegni digitalizzati in hr da consultare online

Incisioni digitalizzate


progetto conclusoLa Casanatense conserva una pregevolissima raccolta di incisioni che affonda le sue radici nella biblioteca personale del cardinale Casanate, dal cui nome e patrimonio la Biblioteca - inaugurata nel 1701 - trae origine. Durante gli anni questo “fondo” venne costantemente incrementato grazie alla politica di acquisti dei Prefetti ma anche in virtù di alcune circostanze, quali ad esempio la soppressione di numerosi conventi durante l’occupazione francese (1799-1804) che offrì alla Casanatense l’opportunità di incamerare le loro raccolte; lasciti testamentari, come quello dell’abate Antonio Riccy, finalizzato proprio all’acquisto di “opere di belle arti”; e soprattutto il privilegio concesso nel 1831 da papa Gregorio XVI, che disponeva la consegna gratuita alla Casanatense delle stampe prodotte dalla Calcografia Camerale, disposizione che cessò nel 1870.

Il nucleo più antico della collezione è sistemato in volumi in-folio con legature sei-settecentesche e, per la maggior parte, in album a rilegatura meccanica, in cui le incisioni sono raggruppate secondo criteri cronologici, tematici o di derivazione.

Nella raccolta sono ampiamente rappresentati i maggiori incisori italiani a partire dal secolo XVI: Marcantonio Raimondi e la sua scuola, le scuole mantovana, bolognese e genovese e inoltre Salvator Rosa, Stefano Della Bella, Piranesi, Pinelli, per citare solo alcuni nomi. Considerevole è anche il numero delle opere di maestri stranieri con prevalenza della scuola tedesca e fiamminga: Albrecht Durer, Hans Baldung Grien, Hendrik Goltzius, Lucas van Leyden, i Bloemaert, i Wierix, i Collaert, i Sadeler. Anche la scuola francese è rappresentata con le invenzioni di Jacques Callot e dei paesaggisti Perelle e Silvestre.

Per motivi di tutela, di fruizione e di diffusione la Biblioteca Casanatense ha ritenuto opportuna e indispensabile la digitalizzazione (con produzione di metadati) di una parte - dato il finanziamento - di questo nucleo antico, oggi consultabile online dal nostro Opac e in Scaffali Digitali. Questo primo Progetto sulle stampe è stato realizzato e concluso.

Per saperne di più: Barbara Mussetto